sabato 29 marzo 2014

Spagna, Tarifa


Immagine. In alto a sinistra c'è la città di Faro. Ora andate a destra fino a metà, troverete Siviglia. Continuate ed abbassatevi di mezzo centimetro, dovreste essere su Granada. Quindi andate in basso fino alla "o" di Marocco. Scivolate sulla "m" di Marocco. Risalite poi fino ad Algeciras. Eccola li, subito a sinistra, Tarifa.

Di posti come questi se ne trovano pochi altri al mondo. Tarifa si pone
tra l'Atlantico e il Mediterraneo, proprio li in mezzo. Li, li si sviluppa un fenomeno alquanto curioso. Si sviluppa anche un vento della madonna, ma questa è un'altra storia. Dicevo del fenomeno curioso. Allora. Nella foto c'è qualcosa di simile. Il Baltico si incontra con il mar del Nord ma, a causa della diversa densità, non si possono mescolare.


A Tarifa il contrasto è ancora maggiore. Ti guardi a sinistra e hai il Mediterraneo. Caldo, ricco, calmo. Terra di gloriose battaglie. Pardon, mare di gloriose battaglie. Poi a fatica cerchi di girarti a destra. Il vento ti avvolge e ti ritrovi le sabbie nelle tasche e negli occhi. Tuttavia riesco a girarmi e con le lacrime dal bruciore guardo l'Atlantico. Freddo, tempestoso e quasi bianco dalla schiuma delle onde. Senza fine. Uno spettacolo.

Tarifa

Ah, quasi dimenticavo. Siamo sullo stretto di Gibilterra, se allunghi la mano tocchi la costa africana. E quando hai fame, se magari allunghi anche l'altra riesci a trovare qualcuno che ti prepari un cuscus. D'altronde, se vuoi qualcosa nella vita, allunga la mano e prendila. (cit.)

~Brando



Nessun commento:

Posta un commento

.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...